Ragazzi di scuola professionale e liceo

 

"I due grandi problemi dell'adolescenza sono: trovarsi un posto nella società e, allo stesso tempo, trovare se stessi"

(Bruno Bettelheim)


Questa fase comincia con la pubertà, generalmente intorno ai 14 anni nei maschi e ai 12 nelle femmine. Oltre alle caratteristiche fisiche, quelle psicologiche sono caratterizzate essenzialmente da un’evidente voglia di indipendenza dai genitori.
In un paio di anni il peso e l’altezza dell’adolescente si avvicinano a quelli definitivi. La fase puberale è più precoce nelle femmine e di conseguenza anche la maturità sessuale viene raggiunta prima dalle ragazze, segnalata dalla comparsa delle mestruazioni. Nei ragazzi si caratterizza dalla produzione del seme. I cambiamenti fisici che si verificano nella pubertà sono alla base della comparsa dell'impulso sessuale e gli adolescenti non sono in genere sufficientemente informati. In questa fase possono anche comparire problemi emotivi, che variano da un adolescente all'altro.


Difficoltà in questa fascia di età
I problemi legati a questa età sono molto vicini a quelli di un adulto, però considerata ancora la fase evolutiva possono essere risolti più facilmente. I disturbi alimentari, quali anoressia e bulimia, i disturbi depressivi, l’ansia e gli attacchi di panico, possono essere gestiti al meglio non compromettendo il futuro del giovane. I genitori stessi sono spesso i primi che possono aiutare il giovane a stare meglio. La relazione tra genitori e figli in questa fase evolutiva è generalmente conflittuale. I conflitti adolescenziali sono per lo più naturali, perché utili alla creazione di un’identità, ma nello stesso tempo difficili da gestire, quindi è utile fornire delle linee guida ai genitori confrontati con tali situazioni. Altra tematica è quella relativa al bullismo, con casi di ragazzi attori o vittime di aggressioni fisiche e psicologiche verso o da parte di coetanei. Un sostegno adeguato può aiutarli a superare e affrontare al meglio questi momenti. A scuola nascono anche i primi scontri con i docenti, vissuti come altre “persone grandi, oltre ai genitori, a cui obbedire”. I cambiamenti fisici possono modificare anche quelli psicologici, quindi anche la tematica dell’educazione sessuale è importate sia per i giovani sia per i genitori per fornire una corretta visione dell’argomento.